Cose meravigliose, Tanis

IL BRACCIALE CON SCARABEO DI SHESHONQ II

A cura di Andrea Petta

Oro, lapislazzuli e pasta vitrea, diametro esterno 6,7 cm, Museo Egizio del Cairo JE 72189

La mummia di Shehshonq II indossava sette magnifici bracciali, tre al braccio destro e quattro al braccio sinistro. Il loro valore simbolico è particolarmente importante, legato a garantire l’immortalità del defunto (abbiamo già visto quelli con l’udjat).

Uno dei più rilevanti è questo bracciale in oro massiccio con scarabeo in lapislazzuli.

Il corpo del bracciale è realizzato piatto all’interno e leggermente bombato all’esterno: raffigura un gambo di papiro che termina con due corolle aperte, cesellate ed intarsiate con pasta vitrea nera, blu e rossa. Le sommità piatte delle corolle racchiudono un magnifico scarabeo in lapislazzuli, incastonato in una struttura a “nido d’ape” in oro ornata da un doppio motivo a treccia che ruota su un perno fissato alle due corolle.

La lavorazione dello scarabeo è stata effettuata con notevole precisione e maestria.

Come sappiamo, la simbologia dello scarabeo, legato al divenire ed alla eterna rinascita del sole al mattino, era particolarmente importante nelle pratiche funerarie egizie

Fonti:

  • Pierre Montet, La nécropole royale de Tanis (Parigi, 1951)
  • Pierre Montet, Les constructions et le tombeau de Psousennes à Tanis (1951)
  • Tanis: tesori dei faraoni, Henri Stierlin e Christiane Ziegler , Seuil, 1987
  • Tesori d’Egitto – Le meraviglie del Museo Egizio del Cairo, Francesco Tiradritti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...