Epoca thinita, Mai cosa simile fu fatta

STATUA DI SCIMMIA

Di Franca Loi

Questa statua rappresenta uno dei principali capolavori dell’arte egizia arcaica: l’uso delle masse, delle luci e delle ombre, della rigorosa frontalità nell’opera, suggeriscono una relazione con il mondo del divino:

è il babbuino celeste, il ” Grande Bianco”, connesso con gli antenati divini del sovrano; più tardi esso sarà posto in relazione col dio Thot.

Il dio svolgeva un ruolo nella festa giubilare.

Il nome inciso alla base della statua

NOTA DI NICO POLLONE: Il nome è ben evidenziato ma il tipo di materiale non è adatto alla scrittura pertanto in tutti i casi è poco visibile.

Il nome è composto dall’ideogramma egiziano antico nar (pesce gatto) segno K13, e dal bilitterale: lo scalpello, cesello e similari, quest’ultimo con due valori fonetici: Ab e mr. In altri manufatti, questa seconda parte è stata spesso modificata nella scrittura (vedi foto). Altra variabile è il segno Hr : Falcone-Horo non sempre presente sopra al srx (Serech simbolo del palazzo), esempio classico la “palette”.

Il nome di Narmer è stato talvolta tradotto come “pesce gatto da combattimento” e infatti, in alcuni manufatti, il pesce gatto è raffigurato come un animale aggressivo e combattivo.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "Hor Nar-mer (Dinastia Nr. Hor Nar-mer (Dinastia 0 Nr. hr ner-mr Hor Nar-mer -(Dınastia 0 Nr. hor Nar-mer -(Dinastia Nr."

I dinastia , regno di Narmer.

Alabastro egiziano

BERLINO, Agyptiches Museum

Acquisizione 1927, n. 2607

Fonte:

MAURIZIO DAMIANO

ANTICO EGITTO/ELECTA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...