Epoca thinita, Mai cosa simile fu fatta

STATUA DI KHASEKHEM

Di Grazia Musso

Questa statua fu rinvenuta a Ieraconpoli , città che svolse un ruolo fondamentale per tutto il periodo Protodinastico, insieme a un esemplare analogo in calcare , conservato all’Asmolean Museum di Oxford.

La statua si stacca dalle opere precedenti e anticipa le soluzioni stilistiche dell’antico Regno.

Soprattutto, lo rivela, una maggiore tridimensionalità della figura.

La scelta di raffigurare il sovrano seduto su un trono con un basso schienale e con la corona bianca, conferisce verticalità e leggerezza che si contrappongono al tentativo di mantenere l’insieme quando più possibile raccolto e racchiuso in sé stesso.

Khasekhem indossa il tipico abbigliamento del Giubileo , che veniva celebrato nel corso del trentesimo anno di regno e aveva lo scopo di riaffermare la capacità di governare del sovrano, costituito da un mantello, che copre tutta la figura sino ai polpacci e il cui lembo di destra si sovrappone a quello di sinistra.

Il braccio sinistro, stretto contro l’addome, sembrerebbe ricoperto da una manica con una fascia lungo il bordo il braccio destro è appoggiato sulla gamba.

Le mani sono chiuse a pugno ed entrambe hanno un foro al cui interno dovevano essere inseriti gli emblemi della regalità.

I piedi sono modellati con estrema cura e poggiano sulla stessa base su cui si trova il trono.

Il bordo anteriore della base reca incisi il nome del re e il numero dei nemici, 47.209, da egli abbattuti, i cui corpi decorano i bordi laterali della base.

L’interpretazione storica della raffigurazione che decora la base della statua è quella che vedrebbe nei nemici uccisi una commemorazione di una vittoria di Khasekhem su popolazioni del nord ribellatesi al potere centrale, in seguito a questo evento, il re avrebbe cambiato il proprio nome in quello di Khasekhemuy

Secondo altre teorie, Khasekhem e Khadekhemuy sarebbero invece da considerare due sovrani distinti.

Materiale scisto

Altezza cm 56

Ieraconpoli (Kom el-Ahmarl

Scavi di James Quibell, 1898

II Dinastia

Regno di Khasekhem ( 2770 – 2649 a. C.)

JE 32161

Fonte:

Tesori Egizi nella collezione del Museo Egizio del Cairo – Francesco Tiradritti – fotografie di Araldo De Luca – Edizioni Wite Star

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...