Materiali

IL CALCARE DI GIZA

A cura di Stefano Argelli

La statua incompleta di Iteti, ispettore dei sacerdoti puri della piramide di Chefren a Giza, fu ritrovata rotta in due pezzi.
(Antico Regno – IV Dinastia – 2543/2435 a.C.)
Calcare di Giza. Altezza cm 95.
Foto. Museo egizio di Torino.

Testa di Iteti, sul capo una ricca parrucca formata da file di riccioli allineate fitte fitte.
Calcare – Altezza cm 26.

Tipologia di roccia sedimentaria dal nome scientifico di calcare fossilifero.

Calcare molto ricco di fossili visibili ad occhio nudo (chiamato calcirudite) di colore giallastro,

I fossili sono rappresentati da macroforaminiferi (nummuliti), organismi unicellulari con guscio calcareo a struttura concentrica.

Sono presenti superfici ondulate di colore più scuro dovute alla dissoluzione del carbonato di calcio in seguito alla pressione dovuta al carico e al conseguente arricchimento in argilla (stiloliti) la roccia risulta formata da macroforaminiferi (nummuliti) con matrice costituita da una calcarenite fine a piccoli frammenti di gusci di foraminiferi.

Principali impieghi: Utilizzata prevalentemente per strutture architettoniche come ad esempio le maestose piramidi di Giza e di Cheope, ma anche nella statuaria.

Il calcare di Giza veniva cavato nei dintorni del Cairo, lungo la riva sinistra del Nilo.

I calcari di qualità migliore provenivano dal plateau di Giza.

Inquadramento geologico: questa roccia appartiene al gruppo di Mokatan , di eta di Eocene Medio (48-38 milioni di anni) costituito da sedimenti carbonatici ricchi di fossili depositati in un ambiente di mare basso.

Fonte: Museo egizio di Torino

Leone in calcare Epoca Romana, fine Epoca Bizantina.(300-642 d.C.)
Ricercatore: Drovetti
Mis: 55,8x29x89 cm.
Osservando da vicino questo leone si può notare come sia stato scolpito in un calcare quasi esclusivamente costituito da frammenti di gusci di piccoli organismi fossilizzati (nummoliti) caratterizzati da forme lenticolari appiattite e ben visibili ad esempio sul naso e sulle parti più lucidate.
Foto: museo egizio Torino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...