Iconografia

IL SERPOPARDO

A cura di Luisa Bovitutti

Il “serpopardo” è stato definito in questo modo in quanto ritenuto un incrocio tra un serpente ed un leopardo; per la verità assomiglia di più ad un leonessa con un collo insolitamente lungo, in quanto non ha macchie ed alla fine della coda ha un ciuffo che il leopardo non ha, e la testa non è quella di un serpente, del quale mancano anche le scaglie e la lingua. Esso veniva rappresentato mentre attacca altri animali o speculare ad un suo simile, talvolta con i due colli intrecciati, ed alcuni studiosi hanno interpretato quest’ultima scena come simbolo dell’unificazione dell’Egitto.

Le immagini di serpopardo a noi giunti risalgono al periodo predinastico (verso il 3300-3100 a.C.) e si trovano sulla “Paletta dei quattro cani o delle giraffe” custodita al Louvre, sulla “Paletta di Narmer” (al Museo del Cairo) che ne mostra due con i colli intrecciati e sulla tavoletta di Nekhen (Ieracompoli) conosciuta anche come “tavoletta dei due cani” conservata all’Ashmolean museum di Oxford; in questo caso i colli dei due animali non sono intrecciati ma si sviluppano verso l’alto a zig – zag.

Quando il serpopardo è rappresentato su bacchette magiche ha spesso un serpente in bocca e talvolta indossa anche un collare.

Nella fotografia grande a sinistra: particolare della paletta di Hieracompolis o “dei due cani” – Ashmolean museum – Oxford. In alto a destra: particolare della paletta del Louvre o dei quattro cani. Al centro a destra: particolare della paletta di Narmer – Museo egizio del Cairo. In basso a destra: particolare di bacchetta apotropaica in avorio di ippopotamo – MET New York

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...