Cose meravigliose, Nefertari

LA TOMBA DI NEFERTARI – I DIPINTI, IL DEGRADO ED IL RESTAURO

A cura di Andrea Petta

I DIPINTI

La roccia calcarea in cui è stata scavata la tomba presenta diverse fratture e depositi di materiale salino. È stato perciò necessario per gli artigiani dell’epoca intonacare le pareti della tomba con argilla mista a paglia sminuzzata e polvere di calcare. Lo strato non è però uniforme (più spesso nella Sala del Sarcofago ad esempio, dove le pareti erano più irregolari). Le figure sono in altorilievo e dipinte a tempera, i cui pigmenti sono “legati” prevalentemente con gomma arabica estratta dall’acacia. Un sottilissimo strato di bianco funge da base, sul quale veniva applicato un primo strato molto grossolano e successivamente i dettagli – con un contorno finale in tempera rossa o nera.

Nell’immagine di Nefertari sulla seconda scalinata si vede bene l’altorilievo delle figure e la discrepanza tra la “bozza” appena accennata ed il dipinto finale della parrucca della Regina, più spostata al centro

Alcuni colori, soprattutto il rosso ed il giallo, sono stati rifiniti per renderli più brillanti, probabilmente con resina ed albume SI è pensato per molto tempo che venisse utilizzata la cera d’api, mentre le analisi effettuate durante il restauro hanno invece evidenziato l’uso di gomma arabica estratta dall’acacia.

A volte anche i migliori sbagliano: nella Sala del Sarcofago alcuni geroglifici non sono stati terminati e colorati appropriatamente

Gli artisti hanno anche tentato di riprodurre ombre e rilievi mescolando i colori primari o applicando diversi strati di tempera. Un “trucco” particolare consisteva nel dare una prima mano di nero per rendere i colori come blu e verde particolarmente profondi.

Il cielo stellato è stato realizzato con un fondo di nero a cui è stato sovrapposto il blu egiziano, ottenendo un effetto patchwork

Tutti i colori seguono il concetto “iwen” che rende il colore parte integrante dell’oggetto o persona rappresentata, come ad esempio il verde per le raffigurazioni di Osiride e Ptah in quanto colore della rinascita.

Il verde è un pigmento sintetico, il Verde Egiziano, contenente anidrite, calcite, feldspato e quarzo.

Anche il blu è sintetico, il Blu Egiziano (cuprorivaite). Entrambi contengono silice, calcio, rame, ferro, sodio, magnesio ed alluminio. Il rosso è ossido ferrico (Fe2O3), con un’alta percentuale di arsenico. Il giallo è un ocra, anch’essa ricca in arsenico, mentre il bianco ed il nero sono gesso e carbone come al solito.

Una curiosità: nei lavori di restauro è “riemersa” una nota in ieratico sul ricevimento nella tomba di un carico di intonaco per “entrambe le squadre”, sottintendendo che ci fossero più squadre al lavoro contemporaneamente

IL DEGRADO

Quando Schiaparelli scoprì la tomba nel 1904, oltre all’evidente saccheggio da parte degli antichi tombaroli, che aveva lasciato pochi resti, apparve chiaro che alcuni dei dipinti erano già deteriorati.

Stranamente, il fotografo ufficiale di Schiaparelli era un religioso, Don Michele Pizzio. Don Pizzio, parroco per gli emigranti italiani in Brasile, e Schiaparelli si erano conosciuti grazie all’impegno di quest’ultimo a sostegno dei missionari. Le 132 fotografie di Don Pizzio su lastra di vetro sono state importanti per il lavoro di restauro illustrando le condizioni dei dipinti alla scoperta della tomba, ma erano di qualità enormemente inferiore rispetto a quelle che fece Harry Burton negli anni ’20 per il Metropolitan Museum di New York.

Nefertari sulla parete sud dell’Anticamera ripresa da Burton. La qualità dei dettagli è eccellente, anche a confronto con un’immagine moderna in alta risoluzione

Nel 1906 fu organizzato un primo intervento di messa in sicurezza, affidato a Fabrizio Lucarini, restauratore toscano probabilmente conosciuto da Schiaparelli negli anni della sua direzione presso il Museo Egizio di Firenze.

NOTA: Lucarini diventerà famoso qualche anno dopo, nel 1913, quando gli verrà affidato il restauro della Gioconda di Leonardo, recuperata dopo il celebre furto del 1911

Desquamazione e degrado del colore sono stati tra i principali “nemici” dei dipinti

Nonostante questo, la tomba rimase aperta ai visitatori fino agli anni ’20, quando si manifestarono ulteriori danni dovuti al caldo ed all’umidità. L’uso di lumi a petrolio in questi anni ha aggravato la situazione aggiungendo una patina grigiastra ed oleosa ai dipinti.

La Sala del Sarcofago è quella che ha subito maggiormente danni dalla scoperta di Schiaparelli ai giorni nostri. Il confronto tra le immagini del 1904 e quelle del 1989 è impietosa, qui la parete sud-est, dove inizia l’attraversamento dei 10 portali del capitolo 144 del Libro dei Morti. Aver lasciato deteriorare così alcune tra le immagini più belle che l’Antico Egitto ci aveva tramandato è, a tutti gli effetti, un crimine.

Nelle immagini si può vedere come, oltre al deterioramento dei colori, larghi pezzi di intonaco si siano staccati rovinando per sempre alcuni dipinti. Il sale presente nella tomba, evaporando con l’umidità si è ri-cristallizzato sulle pareti aggravando la situazione di molti dipinti.

Un altro esempio del deterioramento moderno, tra la tavola originale di Schiaparelli e l’attuale stato di conservazione. Il muso del Guardiano è andato perso, come una parte dei geroglifici in alto a sinistra ed in basso a destra

IL RESTAURO

A metà degli anni ’80 venne quindi varato un progetto di restauro della tomba da parte del Getty Conservation Institute in collaborazione con la Sovrintendenza alle Antichità Egiziana. A capo del progetto di restauro due italiani, i professori Paolo e Laura Mora, precedentemente impegnati per quasi quaranta anni all’Istituto Centrale del Restauro di Roma.

Paolo e Laura Mora, responsabili del restauro dei dipinti della QV66. Un lavoro pazzesco, svolto con enorme maestria. Un ringraziamento imperituro a loro ed a tutto lo staff.

Un primo restauro di emergenza è intervenuto sui decori sollevati dall’intonaco ed in pericolo di staccarsi. Strisce di carta a grana fine di corteccia di gelso giapponese sono state posizionate su ciascuno dei frammenti sollevati e fissate con cura al muro utilizzando una resina acrilica.

L’applicazione di strisce di carta di gelso fissata con resina acrilica per impedire il distacco di altre parti dei dipinti. Sono state usate più di diecimila striscioline di carta di gelso per fissare le parti più esposte dei dipinti
Il piede di Osiride, Sala del Sarcofago (scena dell’incontro con Nefertari, parete nord) prima e dopo il restauro. A partire da un pezzo di intonaco quasi completamente staccato, sono stati rimossi i depositi salini sottostanti con un bisturi, eliminati i residui con l’aria compressa, iniettato una malta composta da acqua, sabbia finissima, gesso e resina acrilica, pressato il frammento nella sua posizione originale, e successivamente ripulito. Il tutto con la paura di perdere definitivamente il dipinto originale

Dopo una pulizia preliminare (anche di precedenti tentativi di restauro), è stato consolidato l’intonaco per prevenire ulteriori danni con l’iniezione di una sorta di malta (ottenuta con sabbia, gesso ed una resina acrilica come collante) nei punti sollevati dei dipinti, e sono stati re-incollati i frammenti recuperati. Alcuni materiali dei restauri passati sono stati particolarmente difficili da rimuovere avendo anche “invaso” l’area dei dipinti.

È stato necessario rimuovere con l’acetone uno strato di fuliggine causato dai lumi a petrolio usati durante i lavori di Schiaparelli e le successive visite alla tomba, nonché un bel numero di manate sporche.

Un ulteriore esempio di restauro conservativo (Pilastro 3 della Sala del Sarcofago): un intero pezzo del dipinto con l’intonaco sottostante si era staccato ed andato perso. Si è deciso di riempire lo spazio lasciato vuoto con un nuovo intonaco in colore neutro portandolo al livello del dipinto in altorilievo segnandone il contorno, ma di non ricreare il disegno od i colori del frammento mancante. Scelta corretta? Avremmo preferito un restauro ricreativo, riproducendo il frammento mancante rendendolo più “completo” ma meno “originale”?

L’immagine di Osiride davanti alle offerte di Nefertari nell’Annesso orientale ha causato un dilemma particolare in quanto restaurato malamente negli anni ’50. Dopo lunghe discussioni, è stato deciso di ricoprire il restauro maldestro, che sarebbe però facilmente “recuperabile” togliendo lo strato di intonaco messo sopra.

L’Osiride del dilemma: in alto a sinistra la tavola originale di Schiaparelli; il alto a destra come appariva negli anni ’20. In basso a sinistra dopo il maldestro restauro negli anni ’50: colori sbagliati, disegno del trono di Osiride completamente diverso dall’originale. Si è deciso di coprire l’area restaurata con intonaco neutro, facilmente rimovibile però se si volesse ripristinare la figura come negli anni ’50.

Da notare che il lavoro di restauro non ha aggiunto nessun colore ai dipinti della tomba, quindi quelli che vediamo sono i colori originali usati dagli artisti egizi.

La famosa foto che ritrae Lorenza D’Alessandro, una delle restauratrici del gruppo di Paolo e Laura Mora, a tu per tu con Nefertari, a cui sta ridonando l’antico splendore. Ricordiamoci che dietro ad ogni scoperta, ad ogni recupero dei reperti ci sono delle persone, dei professionisti che usano tutte le loro capacità e tutto il loro talento per permetterci di continuare ad apprezzare questa straordinaria civiltà

Riferimenti:

John K. McDonald, House of Eternity: The Tomb of Nefertari.Los Angeles, 1996

Miguel Angel Corzo e Mahasti Afshar, Art and Eternity: The Nefertari Wall Paintings Conservation Project, 1986-1992 Los Angeles, 1993

Ernesto Schiaparelli (1904), “La Tomba di Nofretari Mirinmut,” Relazione sui lavori della missione archeologica italiana in Egitto, Volume 1 (Torino, G. Chiantore, 1923)

Rose, Bone-Muller, Ferrero Il passato rivelato White Star Edizioni, 2012

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...