Tutankhamon

I SACRARI DORATI DI TUTANKHAMON

A cura di Andrea Petta

Come abbiamo visto, il sarcofago e le bare di Tutankhamon erano protetti da ben quattro sacrari, uno dentro l’altro come scatole cinesi, in legno dorato. Sono costruiti in legno gessato e dorato; ognuno di essi ha una doppia porta a battente chiusa da perni in ebano che scorrevano in occhielli d’argento e da una chiusura in corda con sigillo in creta (dal secondo sacrario rimasti intatti). Il quarto sacrario, il più interno, non aveva sigillo.

I quattro sacrari “esplosi” ed il sarcofago contenuto al loro interno

Furono montati nella tomba ovviamente al rovescio, dall’interno verso l’esterno intorno al sarcofago, e in direzione invertita: le porte, che dovevano rivolgersi ad ovest, si aprivano invece verso est. Molti pezzi furono inoltre montati in modo sbagliato: lo sappiamo perché gli artigiani che avevano realizzato i pezzi dei sacrari avevano scritto su di essi le istruzioni su come montarli, istruzioni a volte ignorate dagli operai nella tomba. Il secondo sacrario porta i segni delle martellate date per cercare di incastrare i pezzi “sbagliati”, che hanno danneggiato il decoro esterno. Secondo alcuni studiosi sarebbe la prova di un’usurpazione dei sacrari o che questi avrebbero dovuto essere montati in un’altra tomba, più ampia, ed adattati alla KV62.

L’impresa di estrarli dalla tomba fu titanica, e richiese quasi tre mesi di tempo. Alcuni pezzi pesavano centinaia di chili; il legno, asciugandosi, tendeva a perdere la doratura superficiale. Furono necessari 500 chili di cera di paraffina e due anni di tempo per stabilizzarli e trasportarli al Cairo.

Lungi dall’essere solo “scatole, questi quattro sacrari presentano delle complesse incisioni ed iscrizioni di significato esoterico, non ancora de tutto chiarite. I testi sono scritti a partire dal quarto sacrario, quello più interno e vicino al corpo del defunto Faraone, via via verso il primo, il più esterno.

Sono oggetti meravigliosi nella loro importanza religiosa, che meritano di essere approfonditi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...