Materiali

LA BRECCIA ROSSA

A cura di Stefano Argelli

L’Egitto é un paese estremamente ricco dal punto di vista lapideo e questo antico popolo ha saputo sfruttare al meglio ciò che la natura gli ha offerto.la ricchezza di questa ampia gamma di materiali lapidei si può apprezzare visitando una qualsiasi collezione egizia che ne raccoglie gli esempi più disparati e nella quale l’Egitto si presenta come uno “stato fatto di pietra”.

La Breccia rossa (tipologia sedimentaria)

Nome scientifico: breccia carbonatica.

Descrizione Macroscopica: Breccia costituita da clasti carbonatici spigolosi di colore chiaro di dimensione molto variabile (da mm a cm) immersi in una matrice di colore giallo-rosso mattone per la presenza di argilla e ossidi di ferro. Localmente i clasti sono rivestiti da orli laminati di colore rossastro.

Al microscopio si osservano clasti carbonatici con l’orlo laminato rossastro, immerso in una matrice arenacea a granuli di quarzo.

Questa roccia è stata principalmente usata nel periodo Predinastico per la realizzazione di oggetti di piccole dimensioni come: vasi, teste di mazza, coppe, pettini ornamentali e figure di animali.

Grande ciotola di breccia rossa , I/II dinastia, 2965-2750 a.C. diametro 29 cm. Da casa d’aste Shoteby’s Londra.

Testa d’ascia in breccia rossa: accuratamente e levigata. Ha un calcio stretto, leggermente convesso, e lati strombati che si rivolgono leggermente verso l’esterno verso il bordo tagliente, che è moderatamente convesso. I lati e il calcio sono squadrati. Nella parte posteriore ci sono due perforazioni, corrispondentemente posizionato in una linea parallela al calcio. L’estremità tagliente è danneggiata in diversi punti lungo la sua larghezza, sebbene la scheggiatura sia limitata quasi interamente a una faccia. Questa stessa faccia ha un aspetto stagionato all’estremità del sedere. Sull’altra faccia piccole inclusioni sono state spostate dalla matrice, lasciando buchi sulla superficie. Periodo Naqada II 3300 a.C. Proveniente da Gebelei Alto Egitto.
Dimensioni – Altezza: 11,60 cm. Peso: 1,98 kg Larghezza: 7,40 cm Profondità: 1,30 cm.
– La lama era spezzata in due al centro ed è stata riparata in tempi moderni; dal parere degli esperti del museo è Impossibile dire se la rottura sia antica o moderna.
British Museum Londra

Per quanto riguarda le cave, sono presenti diversi affioramenti situati lungo il Nilo nella regione di Assiut, Sohang, Akhmin, Issaouia e Abydos, ma solamente a Wadi Imu (est di El-Matmar) e Wadi Abu Gelbana (est di Akhmin ) risultavano essere siti di estrazione attivi a partire dal periodo Predinastico.

Inquadramento geologico: questa roccia appartiene alle successioni sedimentarie di tipo carbonatico del Cenozoico. In particolare ai bacini carbonatici dell’Alto Egitto.la formazione della breccia rossa è relativamente recente, riferibile al Miocene Superiore (11-5 milioni di anni) ed è legata all’attività tettonica che ha portato all’apertura del Mar Rosso.

Fonti: cosmicnoise.it e Museo Egizio di Torino, italiawiki.com

Vaso in breccia rossa, periodo predinastico (Nagada II)/1° dinastia, 3500-2900 a.C. circa
di forma ovoidale con piede finemente sagomato, anse tubolari e orlo estroflesso frammentario.

Provenienza: Collezione di Royall Tyler (1884-1953), Parigi poi per discesa all’attuale proprietario Royall Tyler era uno storico dell’arte, collezionista ed esperto finanziario internazionale con sede a Parigi. Negli anni ’20 e ’30 raccolse una collezione di arte egizia, persiana e bizantina, acquisita principalmente da commercianti di Parigi come Dikran Kelekian e Joseph Brummer.
Casa d’aste Shoteby’s Londra

A sinistra: vaso in breccia rossa, periodo predinastico Naqada I, circa 4000-3600 a.C. 4 5/8 pollici (11,7 cm.) di altezza. Casa d’aste Christie’s Londra. Num zero. A destra: Vaso a forma di uccello, tardo predinastico breccia rossa esposto al British Museum di Londra

Vaso in pietra a forma di rana -3300 a.C circa Dimensioni reali: Altezza: 3,60 cm; Larghezza: 4,90 cm; Lunghezza: 5,90 cm.

Vasi in pietra sono noti in tutta la storia egiziana , ma il periodo che ha visto la loro maggiore produzione va dal medio predinastico (circa 3500 a.C.) all’inizio dell’Antico Regno (2686 a.C.), quando erano molto richiesti come corredi funerari. L’ampia varietà di pietre diverse utilizzate in questo periodo non è mai stata superata in nessun periodo successivo della storia egiziana.

Gli egiziani svilupparono presto la capacità di lavorare la pietra dura in forma di vaso. Il basalto era popolare fin dall’inizio (4000 aC). Col passare del tempo, altre pietre sono entrate in uso, alcune trasportate da cave lontane nei deserti, rendendole preziose come status symbol. La maggior parte dei vasi era di forma convenzionale, ma occasionalmente venivano intagliati anche vasi a forma di animale. La colorata breccia rossa era una delle pietre preferite per i vasi realizzati a forma di animali come ippopotami, uccelli , tartarughe e rane. Ciascuno di questi animali aveva un significato specifico per gli antichi egizi.
Poiché un gran numero di giovani rane poteva essere visto sulle rive del fiume mentre l’annuale inondazione del Nilo si ritirava, la rana ha una risonanza particolare come simbolo di fertilità e rinascita. Per questo motivo la dea Heket, che proteggeva le partorienti, era raffigurata come una rana o una donna dalla testa di rana. Sembra forte l’associazione delle rane con la rigenerazione, tanto che alcuni hanno ipotizzato che piccoli vasetti a forma di rana come questo fossero usati per contenere preziosi liquidi o lozioni necessarie soprattutto durante il parto.

Figura della dea Taweret. in breccia rossa: Periodo Tardo, 644-343. Il nome ‘Taweret’ significa colei che è grande” o semplicemente “grandi”. British Museum Londra Altezza: 108,00 cm (max); Larghezza: 28,00 cm (max;base); Lunghezza: 44,50 cm (max;base)

Taweret era dentro predinastica volte uno dea madre nel Mitologia egizia, che può essere trovato su innumerevoli amuleti. Molte testimonianze della sua venerazione risalgono all’Antico Regno dea. Insieme al dio arcaico Bacca era anche una dea protettrice nascita e il primo tempo di suzione. Taweret è stata quindi raffigurata come un ippopotamo femmina incinta, un animale noto per proteggere i suoi piccoli. Potrebbe anche essere raffigurata con le sembianze di un leone o di un coccodrillo.
(possibilmente portandoli sulla schiena) e quindi aveva un funzione apotropica (ha dovuto scacciare gli spiriti maligni oi demoni). Taweret era spesso invocato durante il parto per proteggere la donna e il bambino (alta mortalità durante il parto) ed era quindi raffigurato anche con una grande pancia e un seno molto cascante

Di solito questa dea indossa una parrucca e sopra può essere un acconciatura piumata, possibilmente con corna e disco solare. Di solito la bocca è aperta o con le labbra retratte per rivelare file di denti. Ciò potrebbe indicare la sua funzione dannosa. Attributi principali: il sa (simbolo di protezione), il anch (simbolo della vita) e la torcia (difesa dall’oscurità e dal male). esso sa il simbolo è solitamente il più grande e rappresenta la dea a terra su entrambi i lati, appoggiandosi su di essa con le palme.
A volte si incontrava la dea ippopotamo Isis associati, ad esempio, in parte al Periodo Tardo cippi, sebbene la connessione tra queste due dee non sia sempre chiara. Taweret è diventato più comune con Hathor associata e poi indossa la sua tipica capigliatura (la parrucca da avvoltoio). Nella vignetta che Libro egiziano dei morti il capitolo 186 accompagna il papiro di Anhai, lei sta con Hathor come una mucca. Sembra essere direttamente identificata con questa dea, poiché solo Hathor è menzionato nel divieto.

L’aspetto visivo delle brecce le ha rese un popolare materiale scultoreo e architettonico. La breccia fu utilizzata per le basi delle colonne nel palazzo minoico di Cnosso a Creta intorno al 1800 a.C.

La breccia era usata su scala limitata dagli antichi egizi; uno degli esempi più noti è la statua della dea Tawaret nel British Museum. Era considerata dai romani una pietra particolarmente preziosa e veniva spesso utilizzata in edifici pubblici di alto profilo. Molti tipi di marmo sono brecciati, come la Breccia Oniciata o la Breche Nouvelle. La breccia è più spesso utilizzata come materiale ornamentale o di rivestimento in pareti e colonne. Un esempio particolarmente eclatante può essere visto nel Pantheon di Roma, che presenta due gigantesche colonne di pavonazzetto, una breccia proveniente dalla Frigia (nell’odierna Turchia). Pavonazzetto prende il nome dal suo aspetto estremamente colorato, che ricorda le piume di un pavone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...