Stele

LA STELE NON PUBBLICATA

Di Francesco Volpe

Nome reperto: “Tell Basta no. 688”
Luogo di ritrovo, Tell Basta (Bubastis).
Risalente al: fine del Secondo Periodo Intermedio o all’inizio del Nuovo Regno. Trovato da: Shafik Farid nel 1962.

Durante gli scavi della SCA a Tell Basta svoltisi negli anni Sessanta, molte stele di private sono state scoperte, alcune risalenti all’Antico Regno[1] e altri al Nuovo Regno[2]. La maggior parte dei monumenti scoperti a Tell Basta furono trasferiti al Cairo con il registro, mentre alcuni altri sono stati scelti per essere esposti nel Museo Herya (Governatorato di Sharkia), che è proprio il caso della stele che intendiamo studiare in questo articolo e che è poi conservato nel museo (inv. n. 705 / immatricolata Tell Basta n. 688). Questo stele è stata scoperta da Shafik Farid nel 1962, insieme ad altre tre stele, in alcune località meridionali parte dei detriti del cosiddetto palazzo di Tell Basta[3].

Descrizione generale

Tavola di traduzione di “Tell Basta no. 688”.

Si tratta di una stele calcarea dalla sommità arrotondata con figure in bassorilievo incavato e geroglifici incisi appartenenti a un individuo chiamato Sȝ-ḥqȝt. Altezza: 28cm; larghezza: 22,5 cm; spessore: 4 cm. La lunetta della stele è decorata con un anello shen e una coppa fiancheggiata da due occhi wedjat; nella metà destra in basso, è raffigurato il proprietario della stele, seduto su una sedia a schienale alto con zampe di leone.

Indossa una parrucca con riccioli corti, un colletto e un lungo gonnellino. Con la sua mano destra porta al naso un fiore di loto, mentre la mano sinistra è appoggiata sul ginocchio; i suoi piedi sdraiati su un piccolo cuscino. Davanti a lui c’è una tavola per le offerte colma di pane, carne e cipolle. Il suo nome è scritto in una colonna, davanti alla sua faccia:

Sȝ-ḥqȝt

Sa-heqat

Di fronte a Sa-heqat c’è un altro uomo, di statura più piccola, che indossa una parrucca con riccioli corti e un corto kilt. Sta versando libagioni da un vaso di ḥs nella sua mano destra e con essa offre incenso la sua mano sinistra. Davanti al suo volto, due linee verticali di geroglifici menzionano il suo nome e il suo titolo:

[1] ỉr ỉn šmsw

[2] Sr

[1]realizzato dal (suo) seguace [2]Ser

La parte inferiore della stele contiene un’iscrizione geroglifica su tre righe:

[1] dỉ nswt ḥtp Ptḥ Skr Wsỉr nṯr ʿȝ ḥqȝ ḏt dỉ.f pr(t) ḫrw t ḥnqt kȝw

[2] ȝpdw ḫt nbt nfr(t) wʿb(t) ʿnḫ nṯr ỉm.sn <di.f> snn ṯȝw nḏm m ḥtp n kȝ n

[3] Sȝ-ḥqȝt ỉn sn.f sʿnḫ rn.f šmsw Sr

[1] Possa il re dare a Ptah-Sokar-Osiris il grande dio, signore dell’eternità, in modo che possa dare invocazione-offerte di pane, birra, bestiame, [2] uccelli, ogni cosa buona e pura che il dio fa continuare a vivere (e affinché possa dare) il respiro di aria dolce in pace, al ka di [3] Sa-heqat, è suo fratello che fa rivivere il suo nome il seguace Ser.

II RITROVAMENTO DELLA STELE

La stele è stata scoperta in uno strato di detriti, 50 cm sopra le stanze meridionali del cosiddetto Palazzo del Medio Regno, che suggerisce una datazione della stele dopo la distruzione del palazzo. Il monumento presenta molte caratteristiche del tardo Medio Regno o dell’inizio del Nuovo Regno, vale a dire: – la forma della lunetta, non del tutto semicircolare ma appena un po’ sinuosa e formante un angolo che separa nettamente la sommità della stele dalla sua parte inferiore, appartiene al tipico tipo II come definito da R. Hölzl, datato alla XIII dinastia e successive; – il posto dell’anello shen tra gli occhi wedjat, essendo anche leggermente al di sopra di essi, è tipico della XVIII dinastia; – le figure che separano la lunetta dal testo sottostante sono tipiche dello stile del Nuovo Regno; – la forma scritta di nṯr ʿȝ, subito dopo il nome Osiride, la frase “che il dio vive”, così come il nome Ptah-Sokar-Osiride sono tipici di un periodo molto tardo nel Medio Regno e dopo; – la forma scritta di dỉ nswt ḥtp, una caratteristica di tipo II come definita da P.C. Smith, 8 è in uso nei graffiti appartenenti alla “cultura del documentario” fin dal regno di Amenemhat II, ma oltre monumenti votivi privati ​​emblematici della “cultura geroglifica” solo dalla fine del sec 13° dinastia alla fine della 17° dinastia; – la forma scritta di snn, derivata dal verbo sn “respirare”, è attestata solo dal Nuovo Regno in poi; – il nome del proprietario Sȝ-ḥqȝt non è attestato con questo modulo in PN, 11 ma, d’altra parte, a l’uomo chiamato Sr è conosciuto sotto il Nuovo Regno.

Pertanto, tutte le caratteristiche sopra menzionate suggeriscono che la stele sia stata probabilmente realizzata verso la fine del Secondo Periodo Intermedio o all’inizio del Nuovo Regno.

GLI ATTORI DEL RITUALE E AI QUALI VIENE DESTINATO

.

La formula ỉn sȝ.f sʿnḫ rn.f “è suo figlio che ravviva il suo nome” si trova già nel Medio Regno fino alla fine del periodo faraonico, portandolo ad essere considerato il più comune antica formula egiziana accanto al dỉ nswt ḥtp. Anche altri membri della famiglia sono stati in grado di eseguire la formula su molti dei loro parenti. Così come il figlio che si è occupato di far rivivere il nome di sua madre, la figlia poteva anche far vivere i nomi di suo padre e di sua madre. In alcuni casi, il figlio e il figlia sono entrambe rappresentate sulla stessa stele che fa rivivere i nomi dei genitori: il figlio quindi fa rivivere il nome di suo padre mentre la figlia fa rivivere il nome di sua madre. Di tanto in tanto, anche il nipote è raffigurato mentre fa rivivere i nomi dei nonni, come può far rivivere la moglie il nome del marito e viceversa. Seguendo questo modello, le persone senza figli venivano spesso elogiate da un fratello, come accade sulla stele “Tell Basta no. 688”. Inoltre, si possono trovare altri esempi in cui una sorella, fedele e seguace o una donna che fa rivivere il nome di sua sorella.

NOTE:

[1] MI Bakr, Tell Basta I. Tombe e Usanze funerarie a Bubastis, Il Cairo, 1992, p. 92-101.

[2] L. Habachi, Tell Basta, CASAE 22, 1957, tav. 38-A.

[3] L’edificio, prima inteso da lo scavatore come tempio del Medio Regno (vedi Sh. Farid, “Preliminary Report sugli scavi delle antichità Dipartimento di Tell Basta (stagione 1961)”, ASAE 58, 1964, pag. 90, fig. 4, e tav. 12) è stato poi reinterpretato come Medio Palazzo del Regno (Ch.C.Van Siclen III, “Osservazioni sul Palazzo del Medio Regno a Tell Basta”, in M. Bietak (a cura di), House e palazzo nell’antico Egitto, Vienna, 1996, pag. 239-246; Cr. Tietze, M.Abd El Maksoud, Tell Basta, Una guida al Sito, Potsdam, 2004, pag. 18-20); le testimonianze archeologiche e topografiche a dimostrare che la prima interpretazione del ricostruire come un tempio è accurato (soggetto di un ulteriore studio).

Fonte:

BULLETIN DE L’INSTITUT FRANÇAIS D’ARCHÉOLOGIE ORIENTALE (pdf).

BIFAO 109 (2010), p. 17-22

Aiman Ashmawy Ali

An Unpublished Stele from Tell Basta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...