Bubastis, Luoghi

BUBASTIS ED I SUOI TESORI: LA CITTÀ ED IL TEMPIO DI BASTET

A cura di Luisa Bovitutti

Nel Delta del Nilo, a sud-est della città egiziana di Zagazig, si trova il sito di Tell Basta, ove sorgono le rovine di Bubastis (in egizio Per Bastet – Dominio di Bastet), che fu capoluogo di un nomo ed anche capitale del Basso Egitto nel corso della XXII dinastia.

La città sorgeva in una zona strategicamente importante alla confluenza tra il ramo Tanita (o Bubastide) e quello Pelusiaco del Nilo, base di partenza per le missioni militari verso l´Asia e per le spedizioni commerciali verso il Mediterraneo e minerarie dirette nel Sinai per acquisire turchesi e rame.

Fin dalla IV dinastia essa fu sede di un tempio dedicato a Bastet; Erodoto, che lo visitò nel V secolo a.C., rimase impressionato dalla sua magnificenza: “In questa città c’è un tempio molto degno di menzione; anche se ci sono altri templi che sono più grandi e costruiti con un costo maggiore, niente più di questo è un piacere per gli occhi”.

Lo storico greco riferisce che ogni anno, in occasione di una festa in onore della Dea, la città raccoglieva migliaia di pellegrini che giungevano in barca navigando il Nilo e che per tutto il viaggio cantavano, battevano le mani e gridavano e che poi si davano agli eccessi, “bevendo più vino in quei giorni che durante tutto il resto dell’anno”.

Egli descrive le proporzioni imponenti del portico del tempio che si trovava nel centro di un’area depressa nel mezzo della città “così che si sarebbe potuto guardare in basso e vederla ovunque ci si trovasse”, e narra delle pareti mirabilmente scolpite e di uno specchio d’acqua a forma di falce di luna che circondava l’edificio su tre lati.

La città raggiunse il suo apogeo nel Terzo Periodo Intermedio, per poi declinare ed essere abbandonata nel settimo secolo, dopo la conquista musulmana; la memoria della sua posizione si perse per secoli fino a quando essa fu nuovamente individuata nel 1798 da Étienne-Louis Malus, uno studioso francese che accompagnò Napoleone nella sua spedizione in Egitto ma venne scavata solo nel 1888 dall’egittologo svizzero Édouard-Henri Naville.

Egli si dedicò in modo particolare allo studio del Tempio di Bastet, all’epoca ancora imponente, e portò alla luce un’immensa necropoli che conteneva gatti mummificati, migliaia di statuette di bronzo raffiguranti Bastet e raffinati frammenti di statue, che inviò al British Museum di Londra.

In quell’epoca la zona fu devastata dai cercatori di fertilizzanti e numerosi reperti furono trasferiti nei musei di tutto il mondo e nelle collezioni privati; i monumenti vennero smantellati ed il calcare fu riutilizzato per le costruzioni di edifici moderni.

Nelle poche rovine rimaste sono oggi identificabili il peristilio del tempio, il portale monumentale e il cortile del giubileo di Osorkon, una sala ipostila con colonne papiriformi del Regno medio e il santuario di Nekhtharehbe (Nectanebo II); nella città sono visibili anche le rovine di un tempio di Pepi I e di un edificio in mattoni di Amenemhat III.

Nelle immagini:

  • a sinistra in alto – posizione geografica di Bubastis;
  • a destra in alto – ricostruzione dell’area del tempio di Bastet;
  • a sinistra in basso modello del palazzo del Medio Impero;
  • in basso al centro – le rovine del tempio;
  • a destra in basso – capitello hathorico

Fonti:

1 pensiero su “BUBASTIS ED I SUOI TESORI: LA CITTÀ ED IL TEMPIO DI BASTET”

  1. Salve, Sono il Costruttore del Modellino che dite sia del Tempio di Bastet, Quello e il Palazzo del Medio Impero, se volete l’immagine del tempo di Bastet o di altri templi chiedete a me ovviamente.
    Cordiali saluti.

    "Mi piace"

Rispondi a Francesco Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...