Mai cosa simile fu fatta, Medio Regno, Obelischi

IL PIU ANTICO ESEMPLARE DI OBELISCO INTEGRO

Di Franca Loi

Gli egiziani chiamavano Tekhen l’obelisco e lo consideravano il simbolo del dio sole di Heliopolis, Ra. Molti studiosi riallacciano l’obelisco all’evoluzione della pietra sacra primitiva sulla quale si leva il sole dell’alba.

I primi obelischi li troviamo nei Templi Solari della V dinastia, dove sono eretti al centro del santuario, al di sopra di una piramide tronca. Nel Medio regno troviamo gli obelischi classici, tagliati nel granito di Assuan, ma si tratta ormai di oggetti puramente ornamentali.

Dalla fine dalla fine del Medio Regno venivano disposti a coppie all’ingresso dei Templi.

A Heliopolis ( il centro del culto del sole), Senusert I ricostruì l’importante tempio di Atum- Ra. Vi eresse due obelischi di granito rosso per celebrare il proprio Giubileo dell’anno 30 Heb Sed. Uno degli obelischi, ” oggi superstite, è considerato il più antico esemplare oggi pervenutoci integro. A testimonianza dell’avvenimento le iscrizioni (sono le stesse su tutte le facce) “…….. figlio di Ra Senusert, l’amato dalle anime di Heliopolis, che viva in eterno, Horus d’oro Il vivente di nascita, il Dio buono Kheperkare. Nella prima occasione di Giubileo e gli ha fatto (questo obelisc); che sia dotato di vita in eterno.”

Obelisco di Senusert I.
” Il più antico esemplare oggi pervenutoci di obelisco integro, XII dinastia. Heliopolis. Il Cairo”

L’obelisco è un monumento celebrativo formato da un tronco di piramide alto e stretto, che culmina con una punta piramidale chiamata pyramidion. Gli obelischi antichi venivano ricavati da un unico blocco di pietra (un monolito). Gli obelischi sono monumenti in gran parte di origine egizia. Il nome deriva dal greco ‘obelos’, ovvero spiedo e ‘obelisco’ è un diminutivo che vuol dire ‘spiedino’.

Gli obelischi erano parte importante dell’architettura degli antichi egizi, che li disponevano a coppie all’ingresso dei templi. Si è a conoscenza di ventisette antichi obelischi egizi sopravvissuti ed eretti. 

Veduta del Nilo e dell’Obelisco di Sesostri I a Heliopolis, Egitto. Acquerello di Pascal Coste (1787-1879). Biblioteca comunale di Marsiglia

Obelisco di Sesostris I, Eliopoli, Egitto, incisione su legno, pubblicato nel 1879
Fonte :istockphoto.com

L’obelisco incompiuto di Assuan.
In una cava nei pressi di Assuan è presente un grande obelisco incompiuto, lungo 42 metri e disteso su un fianco, la cui estrazione non è stata completata a causa di fenditure comparse nella roccia.
L’obelisco simboleggiava il dio del sole Ra.
Si pensava inoltre che il dio esistesse all’interno della sua struttura.

Ricostruzione del tempio solare di Setibtawy (Niuserra) ad Abu Gurab.
Elemento caratteristico del tempio solare è l’obelisco, posto al centro del cortile centrale, davanti al quale si trovava un altare per le offerte.

Fonte:

  • Maurizio Damiano-Antico Egitto-Electa
  • Biblioteca comunale di Marsiglia
  • istockphoto.com
  • Geostoriawiki

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...