Sarcofagi, XVIII Dinastia

UN ANTICO ERRORE

Di Andrea Petta

La seconda bara di Maiherpri

La civiltà egizia ci ha abituati ad ammirare oggetti ed edifici di precisione pazzesca per l’epoca, frutto dell’opera di artigiani ed artisti eccezionali.

Però…però ogni tanto qualche errore capitava, e qualcuno bello grosso.

Quello che vedete è la seconda bara in legno dorato di Maiherpri, uno dei “figli del kap” di cui ci sta parlando Luisa Bovitutti nell’ambito degli harem faraonici (vedi anche: MAIHERPRI FIGLIO DEL KAP)

In questo primo piano della testa si vede bene il naso rovinato dopo aver appoggiato il coperchio sottosopra nell’antichità

Di Maiherpri, il cui nome significa “leone del campo di battaglia”, sappiamo poco, se non che era di origine nubiana (la madre era forse una concubina del Faraone?), che visse a cavallo dei regni di Amenhotep II e Thutmosis IV e che morì abbastanza giovane, ma deve essere stato un personaggio notevole se gli è stato permesso di essere sepolto nella Valle dei Re, nella tomba KV36 – scoperta da Loret nel 1899. La tomba era stata saccheggiata (ma non completamente) nell’antichità, e questa bara non era nel sarcofago bensì sul pavimento della camera funeraria con il coperchio, rovesciato, a fianco (è la causa del naso rovinato).

Cosa era successo? Semplicemente la seconda bara era…troppo piccola per accogliere la terza, sempre in legno dorato, ma la cosa fu scoperta solo dopo la processione funebre. Immaginate la scena, nella camera sepolcrale, con la bara interna che non entra…

I sacerdoti preferirono inserire la terza bara direttamente nella prima ed abbandonare la seconda sul pavimento. Peraltro si nota che la stuccatura e la decorazione non furono terminate, probabilmente per la prematura scomparsa di Maiherpri.

Fonte:

Gerges MA and Hosny M. “Revealing the mystery of the Sarcophagus and coffins of Maiherpri; A new publication.” Journal of Association of Arab Universities for Tourism and Hospitality 15.1 (2018): 81-97.

Foto: Merja Attia

1 pensiero su “UN ANTICO ERRORE”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...