Stele

LA STELE DI USERSATET

Di Grazia Musso

Dalla necropoli del villaggio operaio di Deir el-Medina provengono numerose attestazioni di devozione popolare che, nella loro semplicità, forniscono un quadro fedele del culto privato, lontano dai rito ufficiali che avevano luogo nei grandi templi, è spesso rivolto a divinità minori legate all’ambito domestico.

Questa piccola stele, 17 x 15 cm, di fattura non raffinata, fu dedicata alla dea Nebethetepet da un certo Usersatet, probabilmente un artigiano del villaggio.

Il testo in colonna riporta il nome e l’epiteto della divinità : ” che ascolta la preghiera, Signora del cielo”, mentre la linea di geroglifici alla base della stele recita: “che ha fatto Usersatet”.

L’analisi filologica del testo qui: https://laciviltaegizia.org/2023/01/06/la-stele-di-usertatet-liscrizione/

L’elemento degno di nota di questa stele è rappresentato dalla decorazione, estremamente semplice, ma molto eloquente.

Due paia di orecchie sovrapposte molto realistiche e fornite anche di buchi nei lobi, attirano l’attenzione dell’osservatore.

Con questa raffigurazione permeata di un’ingenuita’ quasi infantile Usersatet ha espresso la speranza e l’augurio che la dea rivolgesse l’orecchio alla sua preghiera, l’ascoltasse e quindi la esaudisse.

Nebethetepet era una divinità minore del pantheon egizio, originaria di Eliopoli, ma molto venerata tra la comuni di Deir el-Medina, dove il suo culto era assimilato a quello della dea Hathor.

Fonte

  • I grandi musei – Torino Museo Egizio – Electa
  • Fotografie : Patrizia Burlini

3 pensieri su “LA STELE DI USERSATET”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...