Arte, Nuovo Regno, XVIII Dinastia

I DIPINTI DELLA CAPPELLA FUNERARIA DI NEBAMUN

Di Ivo Prezioso

Nuovo Regno, XVIII Dinastia, molto probabilmente tardo regno di Amenhotep III, forse inizio regno di Amenhotep IV (ca. 1350 a. C.). Provenienza Tebe. Ubicazione attuale: Londra, British Museum. Dieci frammenti furono acquistati come parte della prima collezione Salt nel 1823; l’undicesimo (EA37981) fu acquistato da George Waddington e Richard Hanbury nel 1821 e donato al museo da sir Henry Ellis nel 1833.

Pittura su base di intonaco in calce e fango.

Introduzione

Gli undici frammenti della tomba di Nebamun, conservati al British Museum, rappresentano probabilmente uno degli esempi più belli (se non il più bello in assoluto) finora noti dell’arte pittorica dell’Antico Egitto. L’ubicazione della tomba è molto incerta, poiché non è ancora stato possibile associare i frammenti ad alcuna cappella di Tebe. Oltre ai frammenti del British Museum, pezzi più piccoli si trovano ad Avignone, Berlino e Lione, mentre altri tre sono stati fotografati al Cairo negli anni quaranta. Dieci dei frammenti del Museo erano tra gli oggetti portati in Gran Bretagna come parte della prima collezione di Henry Salt. Il dipinto fu scoperto nel 1820, ma i documenti forniscono poche informazioni sull’ubicazione della cappella. Uno dei frammenti berlinesi, raffigurante uomini che catturano quaglie, è stato visto durante gli scavi del marchese di Northampton nell’area di Dra Abul Naga (estremità settentrionale della necropoli) nel 1898/9. Ciò probabilmente causò un danno considerevole alla cappella della tomba, la cui ubicazione andò perduta e ora potrebbe essere stata occultata da una struttura recente.

Sebbene i frammenti siano definiti come appartenenti a Nebamun, il nome del proprietario non è conservato in modo chiaro da nessuna parte. L’esempio meno rovinato è alla fine del testo del frammento EA 37976, dove, dopo il titolo “scriba e contabile del grano”, segue una serie di segni la cui ricostruzione più probabile è “Nebamun”. Il nome fu infatti danneggiato durante il periodo amarniano, quando ogni riferimento al dio Amon, veniva sistematicamente distrutto. Il titolo del proprietario non è particolarmente elevato, ma nella necropoli tebana, sempre riconducibili alla media e tarda XVIII dinastia, si trovano numerose altre tombe, piccole ma splendidamente decorate, di altri detentori di questo e altri titoli simili.

Ed ora passiamo ad illustrare in dettaglio questi splendidi frammenti.

Scena di caccia nelle paludi. (Frammento EA 37977). Larghezza: 98 cm.

Il dipinto più noto mostra Nebamun che partecipa ad una battuta di “caccia agli uccelli nelle paludi”(Immagini n. 1,2,3,4,5,6). E’ rappresentato in posizione eretta e dominante in una piccola barca di papiro, in compagnia della moglie, dietro di lui, vestita con i suoi abiti migliori e con la figlia seduta tra le sue gambe. Sta per lanciare un bastone contro una serie di diverse specie di uccelli presenti all’interno e sopra un boschetto di papiro, mentre ne ghermisce tre con l’altra mano. Un gatto ha in bocca un’anatra e tra gli artigli altri due uccelli. Sono presenti numerosi pesci nello stagno. I colori e l’attenzione ai dettagli sono stupefacenti. Una caratteristica sorprendente, notata negli anni ’90, è l’uso della foglia d’oro per l’occhio del gatto. Una scena di questo tipo è di solito bilanciata da un’altra che mostra il proprietario della tomba mentre arpiona i pesci, e la fiocina, infatti, si intravvede nell’angolo in basso a sinistra. Due dei frammenti del Cairo mostrano la testa del proprietario della tomba e il bambino tra le sue gambe.

Immagine n. 1 Frammento EA 37977 La scena di caccia nelle paludi. In origine c’era un’altra metà della scena, che mostrava Nebamun che infilzava un pesce (l’arpione che infilza il pesce è ancora visibile in basso a sinistra). Questa parte è andata perduta, se si eccettuano due vecchie fotografie di piccoli frammenti di Nebamun e della sua giovane figlia. Gli artisti hanno catturato la qualità squamosa e lucente del pesce. Come si può osservare la composizione è caratterizzata da un dirompente contrasto dinamico che si genera tra l’imponente figura di Nebamun (se vogliamo ancora piuttosto convenzionale e tradizionale nella sua posa ben piantata e dominante, con la moglie Hatshepsut alle spalle e la giovane figlia tra le gambe) e la grande abbondanza di figure in movimento. Questa sensazione è ancor di più esaltata dalla sorprendente varietà e raffinatezza della colorazione, nonché dall’estrema cura dei dettagli. Inoltre, è evidente come sia stata volutamente tralasciata la precisa collocazione in registri simmetrici e ordinati a tutto vantaggio di una spontaneità inusitata. A mio avviso, in questo capolavoro sono già perfettamente ravvisabili quelli che saranno gli sviluppi dell’arte amarniana che approderà, nei suoi migliori esempi, ad una libertà espressiva e formale assolutamente straordinaria. (©The British Museum Masterpieces of Ancient Egypt)

La composizione non è, come verrebbe facile pensare, una semplice rappresentazione dei piaceri della caccia, ma è parte integrante del programma decorativo della tomba: l’interpretazione più plausibile è che la scena sia formata da una complessa serie di simboli che alludono alla riproduzione e alla rinascita, in questo caso nell’aldilà, che sarebbero assicurate da tali raffigurazioni nella cappella funeraria. Le fertili paludi erano viste, infatti, come un luogo di rinascita ed erotismo. La caccia agli animali potrebbe rappresentare il trionfo di Nebamun sulle forze della natura mentre rinasceva. Domina l’enorme figura ambulante di Nebamun, sempre felice e sempre giovane, circondato dalla vita ricca e varia della palude.

Immagine n. 2 Frammento EA 37977, particolare. Un gatto fulvo cattura gli uccelli tra gli steli di papiro. I gatti erano animali domestici, ma qui potrebbe anche rappresentare il dio Sole che caccia i nemici della luce e dell’ordine. Il suo insolito occhio realizzato con foglia d’oro allude ai significati religiosi di questa scena. Gli artisti hanno riempito ogni spazio con dettagli vivaci. La palude è piena di fiori di ninfea e di farfalle Tigre della pianura. Queste ultime sono dipinte in modo libero, suggerendo il disegno e la consistenza delle loro ali. (British Museum, Londra. Foto © Osama S. M. Amin, The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera)

Immagine n. 3 Frammento EA 37977, particolare di Nebamun il cui nome significa “Amon è il mio signore”. (British Museum, Londra Foto © Osama S. M. Amin, The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Immagine n. 4 Frammento EA 37977, particolare. La moglie di Nebamun, Hatshepsut, è in piedi dietro di lui. Si notino l’elaborato copricapo e l’abito, che rimandano alla raffinatezza dell’epoca di Amenhotep III, nella quale sono ravvisabili chiari influssi orientali. (British Museum, Londra Foto © Osama S. M. Amin, The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Immagine n. 5 Frammento EA 37977, particolare. La figlia di Nebamun siede sulla barca sotto la figura del padre. Con la mano destra stringe la gamba destra del padre, mentre la mano sinistra stringe un fiore di ninfea. È nuda. Da notare l’acconciatura, con la tipica treccia dell’infanzia. (British Museum, Londra Foto © Osama S. M. Amin, The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Immagine n. 6 Frammento EA 37977 Ipotetica Ricostruzione dell’intera scena murale. Disegno di C. Thorne e R. B. Parkinson. Fotografie di altri frammenti per gentile concessione dell’Association d’Egyptologique Reine Elizabeth, Bruxelles. (British Museum, Londra Foto © Osama S. M. Amin, The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Scena del Banchetto: Frammenti EA 37984 (larghezza 99,5 cm.), EA 37981 (Larghezza 50 cm.), EA 37986 (Larghezza 126 cm.)

Di questa scena, sono sopravvissuti 3 frammenti, i quali, disposti come mostrato (Immagine n. 7), rappresentano i quattro registri della rappresentazione di un banchetto. Tre dei registri mostrano ospiti intervenuti a questo evento, alcuni in coppia, altri in gruppi dello stesso sesso. Sia gli uomini che le donne sono vestiti con raffinati abiti bianchi con sottili soprabiti che aggiungono una tonalità di giallo all’ indumento principale. Tutte le donne hanno folte parrucche lunghe, mentre gli uomini indossano per lo più acconciature che arrivano alle spalle, anche se alcuni sono rasati (questa caratteristica sembra verificarsi solo nel gruppo degli uomini, dove gli stili si alternano).

Immagine n. 7: I Frammenti EA 37984, EA37981, EA 37986, così come attualmente esposti al British Museum. Un’intera parete della cappella mostra un banchetto in onore di Nebamun. Servitori e servitrici nude attendono amici e parenti del defunto. Gli ospiti sposati siedono a coppie su sedie raffinate, mentre le giovani donne si girano e parlano tra loro. Questa scena erotica di relax e ricchezza è qualcosa di cui Nebamun potrà godere per l’eternità. Gli ospiti riccamente vestiti sono intrattenuti da danzatori e musicisti, che siedono a terra suonando e battendo le mani. Le parole della loro canzone in onore di Nebamun sono scritte sopra di loro: “Il Dio della terra ha fatto crescere la sua bellezza in ogni corpo… i canali sono di nuovo pieni d’acqua e la terra è inondata dall’amore per lui”. (British Museum, Londra. Foto © Osama S. M. Amin The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Il terzo registro mostra due gruppi di musiciste e cantanti, con una coppia di danzatrici nude nel gruppo di sinistra. I servitori, uomini e donne, servono tutte le coppie; ospiti e i musiciste recano sulla testa coni di grasso profumato. Queste ultime sono uno dei rari esempi nell’arte egizia in cui il soggetto è rappresentato di fronte anziché di profilo. Tali deroghe alle normali convenzioni si riscontrano solo nelle figure secondarie di rappresentazioni come questa.

Anche se si pensa che le scene del banchetto siano in qualche modo da porre in relazione col Festival della Valle di Tebe, quando la statua di Amon giungeva dal tempio di Karnak per visitare i santuari della sponda occidentale, non si tratta solo del semplice riflesso di una celebrazione. Vengono consumate bevande oltre che cibo e le figure portano alle loro narici fiori di loto (ninfea) o frutti di mandragola. L’intossicazione sembra un elemento importante e sia il loto, sia la mandragola con le loro proprietà narcotiche o allucinogene aiutavano i banchettanti ad avvicinarsi alla divinità.

Questi e altri simboli suggeriscono che queste scene esprimono ancora una volta il desiderio di rinascita dopo la morte, che era uno degli scopi della cappella tombale.

I frammenti superstiti, nella composizione originaria del dipinto, hanno la seguente sequenza: EA37984, EA37981, EA37986 (Immagini nn. 8, 9, 10 )

Nelle immagini seguenti e relative didascalie Immagini nn. 11, 12, 13 ) sono mostrati particolari del frammento EA37984.

Immagine n. 11 Frammento EA 37984, particolare. Giovani uomini siedono su file di sgabelli, accanto a un gruppo di giovani donne, sedute su sedie con cuscini. In un punto, gli artisti hanno modificato il disegno di questi sgabelli di legno e hanno corretto i loro primi schizzi con vernice bianca. (British Museum, Londra. Foto © Osama S. M. Amin The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Immagine n. 12 Frammento EA 37984, particolare. Alcune delle musiciste sono ritratte mostrando i loro volti a figura intera. Questo è molto insolito nell’arte egizia e dà un senso di vivacità a questi personaggi che sono disegnati in modo meno formale rispetto agli ospiti più facoltosi. (British Museum, Londra. Foto © Osama S. M. Amin The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Immagine n. 13 Frammento EA37984, particolare. Le giovani danzatrici sono rappresentate in modo fluido e armonioso. Sono nude, a parte i gioielli. (British Museum, Londra. Foto © Osama S. M. Amin The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Nebamun ispeziona bovini e oche: Frammenti EA 37979 (larghezza 67,5 cm.), EA 37978 (Larghezza 115,5 cm.), EA 37976 (Larghezza 97 cm.)

Oltre alle rappresentazioni più esoteriche, le tombe della XVIII dinastia ne contengono altre, apparentemente, di vita quotidiana. Questi tre frammenti provengono dalla stessa parete, che mostrava due volte il proprietario della tomba, seduto su uno sgabello mentre ispezionava due scene, una di oche e una di bovini (Immagine n. 14).

Immagine n. 14 I frammenti EA37979, EA37978, EA37976 così come attualmente esposti al British Museum. Questi 3 dipinti fanno parte di una parete che mostra Nebamun mentre ispeziona le sue oche e i suoi bovini. Egli osserva gli allevatori che gli portano gli animali; i suoi scribi ne registrano la quantità. I geroglifici descrivono la scena e la conversazione dei dipendenti, che parlano e litigano tra loro, mentre fanno la fila. Nebamun è raffigurato come un uomo ricco e autorevole, che controlla un gran numero di servi e di animali. Tutto è studiato per mostrare il prestigio di Nebamun; è, infatti raffigurato in una scala più grande rispetto alle altre persone e in una posa formale. Anche la sua pelle è dipinta in modo diverso. (British Museum, Londra. Foto © Osama S. M. Amin The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera)

Si è conservata solo una di queste rappresentazioni di Nebamun (frammento EA 37979), che lo ritrae su un sedile pieghevole con schienale (Immagine n. 15). Nella mano sinistra tiene un bastone e nella destra lo scettro dell’autorità e un piccolo fascio di fiori. La sagoma in bianco e nero immediatamente sotto di lui è una rappresentazione della morbida pelle della seduta della sedia.

Immagine n. 15 Frammento EA37979. Nebamun siede su una sedia e ispeziona le sue oche e il suo bestiame. Sono visibili i resti di cinque registri verticali di geroglifici dipinti in policromia. (© Nigel strudwick, The British Museum Masterpieces of Ancient Egypt, pag. 174)

Nel frammento EA 37978, disposto a destra del precedente, (Immagine n. 16), gli allevatori sono raffigurati nelle loro mansioni in due sottoregistri; a sinistra uno scriba, che si distingue per l’abito più elaborato e la tavolozza sotto il braccio, presenta un pezzo di papiro a Nebamun, presumibilmente, con il conteggio delle oche.

Immagine n. 16 Frammento EA37978. Il registro superiore, frammentario, mostra lavoratori in piedi, davanti a uno stormo di oche, mentre presentano un cesto di uova a due scribi seduti, che registrano i prodotti. Nel registro inferiore gli allevatori arrivano con una grande quantità di oche e un uomo presenta altri uccelli in stie. Uno scriba sta leggendo l’elenco dei prodotti alla grande figura seduta di Nebamun (Visibile nel frammento EA37979), verso il quale erano orientati entrambi i registri superiori. I tre registri verticali e un registro orizzontale di testi geroglifici dipinti di nero sono rivolti nella stessa direzione delle persone che pronunciano ciò che è scritto. Lo scriba tiene sotto il braccio il suo astuccio scrittorio e presenta un rotolo di papiro a Nebamun. É ben vestito e presenta un leggero accumulo di grasso sullo stomaco, a indicare la sua posizione agiata. Accanto a lui, ci sono cassapanche per i suoi registri e una borsa contenente i suoi strumenti di scrittura. I contadini si inchinano e fanno gesti di rispetto verso Nebamun. L’uomo dietro di loro impugna un bastone e dice loro: “Sedetevi e non parlate!”. Le oche sono dipinte come un’enorme e vivace massa che becca il terreno e sbatte le ali. (© Nigel strudwick, The British Museum Masterpieces of Ancient Egypt, pag. 175)

Nella scena inferiore (Immagine n. 17), i mandriani guidano il loro bestiame, che viene contato e registrato da scribi rappresentati a sinistra.

Immagine n. 17 Frammento EA 37976. É diviso in due registri. Nel registro superiore una mandria di bovini viene portata a Nebamun; davanti ai bovini i mandriani si inchinano a uno scriba in piedi che effettua le registrazioni.. La didascalia geroglifica verticale è danneggiata e sono leggibili solo alcune frasi. Nel registro inferiore un uomo guida il bestiame verso alcuni scribi seduti. Sopra, sono ancora visibili due registri orizzontali di geroglifici. L’alternanza dei colori e dei tratti dei bovini crea un superbo senso di movimento. Gli artisti hanno volutamente omesso di rappresentare alcune zampe dei bovini per preservare la chiarezza del disegno. Il mandriano sta dicendo al contadino che lo precede in coda: “Forza! Allontanatevi! Non parlate in presenza del lodato! Egli detesta la gente che parla… Passate avanti con calma e ordine… Egli conosce tutti gli avvenimenti, lo scriba e responsabile del grano di [Amon], Neb[amun]”. (© Nigel strudwick, The British Museum Masterpieces of Ancient Egypt, pag. 175)

Le scene sono accompagnate da didascalie idealizzate di ciò che avrebbero potuto dire alcuni degli uomini presenti; il testo più lungo della scena del bestiame è pieno di elogi per Nebamun.

Come in tutti questi dipinti, il livello di dettaglio è notevole; ogni creatura è chiaramente differenziata, grazie all’uso accurato di pigmenti diversi, in modo che nessun animale di colore simile sia adiacente.

Immagine n. 18 Frammento EA 37976, particolare. Il nome del dio Amon è stato cancellato in questa didascalia, anche quando compare nel nome di Nebamun. Poco dopo la sepoltura di Nebamun, il faraone Akhenaton (1352-1336 a.C.) fece cancellare il nome di Amon da tutti i monumenti nell’ambito delle sue riforme religiose. (British Museum, Londra. Foto © Osama S. M. Amin The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Scene come queste hanno anche un significato più profondo; proiettano la personalità e la ricchezza di Nebamun nell’aldilà e aiutano a creare un mondo in cui il suo spirito possa risiedere dopo la morte.

Immagine n. 19 Ipotetica Ricostruzione dell’intera scena comprendente i tre frammenti illustrati. (©Disegno di C. Thorne e R. B. Parkinson, https://www.britishmuseum.org/collection/object/Y_EA37979)

Portatori d’offerte: Frammento EA 37980 (Altezza massima, 41 cm.)

Il frammento (Immagini n. 20-21-22-23) descrive una processione di servi, vestiti in modo semplice, che presentano a Nebamun offerte di cibo, consistenti in spighe di grano e animali provenienti dal deserto. Dal momento che le cappelle tombali erano predisposte in modo che la gente potesse portare oboli in memoria dei defunti, è piuttosto comune che sulle loro pareti venisse riprodotta una simile scena.

Immagine n. 20 Un corteo di servitori, vestiti in modo semplice, porta le offerte, spighe di grano e animali del deserto, come cibo per Nebamun.Tra questi, una giovane gazzella e due lepri del deserto. Il bordo inferiore indica che questa era la scena più bassa di questa parete. (British Museum, Londra. Foto © Osama S. M. Amin The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Immagine n. 21 Questo servitore trasporta una piccola gazzella di Dorcas (nota anche come gazzella del deserto). È ancora viva e la tiene stretta per evitare che si liberi. (British Museum, Londra. Foto © Osama S. M. Amin The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Tra i personaggi dipinti spiccano in particolare i due servitori centrali quello a sinistra ha fra le braccia una gazzella viva che colpisce per la disposizione e per l’occhio che sembra esprimere al contempo tenerezza e spavento. L’altro, invece, tiene per le orecchie due lepri del deserto. Gli animali si caratterizzano fortemente per la pelliccia minuziosamente particolareggiata, i baffi e le lunghe orecchie, oltre alla posa molto naturale. Il disegno, molto accurato, e la composizione, tanto equilibrata quanto dinamica, rendono questa scena, tutto sommato piuttosto convenzionale,molto fresca e vivace.

Immagine n. 22 Il servitore che appare al centro dell’immagine tiene per le orecchie due lepri del deserto. Gli animali hanno una pelliccia meravigliosamente dettagliata e lunghi baffi. La superba fattura e la composizione rendono questa scena, piuttosto comune, molto fresca e vivace. Gli artisti hanno anche variato i semplici abiti dei servitori. Per uno dei gonnellini, l’artista ha cambiato idea e ha dipinto una serie di pieghe diverse rispetto alla prima versione, visibili attraverso la vernice bianca. (British Museum, Londra. Foto © Osama S. M. Amin The Egyptian Tomb-Chapel Scenes of Nebamun at the British Museum, pubblicato il 26 Luglio 2016 in Ancient History et Cetera).

Immagine n. 23 Ipotetica Ricostruzione dell’intera scena comprendente i tre frammenti illustrati. (©Disegno di C. Thorne e R. B. Parkinson, https://www.britishmuseum.org/collection/object/Y_EA37980)

Fonti:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...